Lucio Giuliodori

Che non deve né vuole pentirsi e non ha di che pentirsi né ha materia di pentimento,
e non sa di che cosa debba pentirsi.

 
Giordano Bruno, al processo.

Eresie del sublime è quella che viene definita un’ekphrasis, una raccolta di poesie ispirate a dipinti. Le opere in questione sono della pittrice surrealista contemporanea Simona Bramati. Bachelard definiva la poesia «metafisica istantanea», essa si compie nell'istante, un istante eterno che viene dall’alto e lì rimane. La pittura è dunque la metafisica di questa poesia. Se come affermava Paul Klee «l'arte non deve rappresentare il visibile ma rendere visibile l'invisibile», il poeta distillando simboli e codici dipinti dall’artista, ha scolpito e vivificato le visioni e le ispirazioni della pittrice dando vita a un’alchimia che diventa filosofica, in quanto vuole conoscere – «connaître, naitre ensamble» - rimembrando Valery – nascono insieme poesia e pittura, ri-nascono nell’alchimia di «Eresie del Sublime».

Io ero il Sole, la Luna, l’androgino, lo Spirito Santo, una zingara, un’acrobata, Leonora Carrington, una donna […]ero l’unione dell’Uomo e della Donna, di Dio e del Cosmo, e tutti questi elementi erano in me uguali tra loro.

Leonora Carrington, Down Below

Ordina il libro su Amazon cliccando QUI